Cerca
  • Assistenza&Sostegno

Alzheimer e demenze: come rallentare la malattia

Gestire una persona affetta da demenza o da Alzheimer è un lavoro quotidiano difficile e impegnativo, oltre a trovare strategie e metodi per assisterlo con serenità è molto importante riuscire a trovare il tempo durante la giornata per fare con lui attività che possano stimolare la persona a livello cognitivo con l’obbiettivo di mantenere vive il più possibile le sue capacità mentali. L’importante è riuscire a svolgere queste attività proponendole come un gioco o un passatempo.



Che attività si possono fare?

1. Il caregiver può stimolare la memoria dell’assistito parlando con lui di ricordi piacevoli ad esempio un Natale particolarmente bello, il giorno del matrimonio, la nascita di un figlio, fargli cantare strofe di una canzone che gli piace molto e che magari ricorda solo in parte, trovare insomma agganci che lo stimolino a ricordare momenti felici della sua vita.

2. Un'altra attività potrebbe essere quella di prendere l’album di fotografie in particolare una foto dove è con amici o parenti chiedendo di contare quante persone ci sono, chiedere se ricorda chi sono e cosa ricorda riguardo il momento immortalato nella foto.


3. Stimolarlo con giochi di parole con vecchie filastrocche, oppure iniziare delle frasi del tipo, Natale si celebra nel mese di …, l’animale che nitrisce è il…, la pianta che fa le mele si chiama…



Utilizzare un album da colorare con pennarelli o pastelli e giocare con i colori, giocare con il puzzle, le carte, cruciverba da fare sempre insieme, leggere una storia, fare una passeggiata quando le condizioni dell’anziano lo permettono, cantare ecc. sono tutte attività che stimolano e rallegrano l’animo.


Queste sono strategie per coinvolgere l’anziano in un lavoro mentale come se fosse un gioco, permettendo di sorridere dei propri errori e di imparare senza creare l’angoscia dei risultati, inoltre creano un rapporto emozionale di incontro con l’altro con gioia, simpatia, empatia e condivisione.


Mantenere la mente occupata per le persone affette da Alzheimer è molto difficile perché necessitano sempre di un filo conduttore che li aiuti a mantenere la concentrazione. Di fondamentale importanza è avere un ambiente ordinato ed organizzato, per facilitarlo nel trovare le cose. Anche il coinvolgimento nelle attività quotidiane come cucinare o riordinare la casa favoriscono la stimolazione della memoria e le altre capacità cognitive, fondamentale inoltre far sì che possa mantenere il più possibile la capacità di prendersi cura di sé anche se per lavarsi impiega tanto tempo non importa, stimolarlo a fare da solo magari con il nostro aiuto se è necessario, ma solo se è necessario. Più attività riuscirà a fare in modo autonomo maggiori saranno il suo benessere fisico e la sua autostima. Quindi non sostituiamoci a lui/lei ma lasciamo che mantengano le cose che sono in grado di fare in autonomia, ci vuole pazienza ma è importante farlo.


Prenota la tua consulenza gratuita: 039/460340


#assistenzaanziani #assistenzaaore #badanticonviventi #assistenzaospedaliera #colf #fisioterapiaadomicilio #lissone #monzaebrianza

311 visualizzazioni

Via Pietro da Lissone n°72, 20851 Lissone (MB)

Lun:

Mar:

Mer:

Gio:

Ven:

Sab:

Dom:

9:00/12:00 - 14:30-19:00

9:00/12:00 - 14:30-19:00

9:00/12:00 - 14:30-19:00

9:00/12:00 - 14:30-19:00

9:00/12:00 - 14:30-19:00

Chiuso

Chiuso

  • Facebook
  • Instagram Icona sociale